Assistenza Domiciliare
Tocher Srl

tel. 0376 618396

terapia del dolore

terapia del dolore, poliambulatorio castiglione, tocher, maccabruni francesco

"La terapia del dolore è una disciplina della medicina che si occupa della diagnosi e della cura del paziente affetto da sintomatologia dolorosa acuta e cronica benigna o neoplastica".

Due fondamentali concetti ne costituiscono le basi:

  • il dolore come malattia, in quanto accompagnato da complessi problemi fisici,psicologici e sociali, primitivi e secondari;
  • la multidisciplinarietà o interdisciplinarietà del team di trattamento del dolore.

Chi beneficia di questo approccio e’ in genere un paziente in cui vi è già stato il fallimento del tradizionale sistema terapeutico.

Il nostro terapista del dolore si occupa prevalentemente ma non esclusivamente del doloro cronico muscolo scheletrico, del dolore neuropatico.

Le patologie di maggiore riscontro sono:

  • • il dolore neoplastico;
  • • il dolore cronico muscolo-scheletrico;
  • • il dolore di tipo neuropatico;
  • • il dolore ischemico;
  • • le cefalee.

L’attività si articola in visite con inquadramento diagnostico e terapeutico ed in prestazioni specifiche, quali infiltrazioni loco-regionali e cicli di terapia fisica. Le prenotazioni delle visite possono essere inoltrate direttamente al personale di reception presso la sede di Castiglione delle Stiviere.

L' algologia, o terapia antalgica, detta anche terapia del dolore o medicina del dolore consiste nell' approccio terapeutico e scientifico al trattamento del dolore.

Il dolore rende spesso il soggetto inabile sia da un punto di vista fisico sia emotivo. Il dolore acuto relativo a un trauma fisico è spesso reversibile naturalmente. Il dolore cronico, invece, generalmente è causato da condizioni solitamente difficili da trattare. Talvolta i neurotrasmettitori continuano a inviare la sensazione del dolore anche quando la causa scatenante non esiste più; per esempio un paziente a cui è stato amputato un arto può provare dolore riferito all'arto che non c'è più ( sindrome dell'arto fantasma).

La terapia del dolore negli ultimi anni, a fatica (soprattutto in Italia), tende a divenire una specialità di esclusiva competenza degli anestesisti anche se c'è ancora molta resistenza a rivolgersi a questi professionisti per risolvere il problema dolore, perché vengono spesso confusi con i medici paliatori che si occupano esclusivamente del dolore neoplastico nel finis vitae .
Il contributo specifico dell'anestesista è costituito da qualcosa in più della semplice terapia medica: la modulazione della trasmissione del dolore nel sistema nervoso mediante somministrazione di anestetici ( blocchi nervosi) o altri strumenti di interazione col tessuto nervoso, il più delle volte correnti elettriche ( radiofrequenza, stimolazione nervosa midollare o di nervi periferici).

Questo ritardo a volte veniva attribuito alla "cultura cattolica che vedrebbe il dolore come forma di espiazione. La posizione ufficiale della Chiesa Cattolica è desumibile in modo inequivocabile da un documento di Pio XII agli anestesisti del 24 febbraio del 1957: "La soppressione del dolore e della coscienza per mezzo di narcotici (quando è richiesta da una indicazione medica) è permessa dalla religione e dalla morale al medico e al paziente".
Il 15 marzo 2010 il Parlamento italiano ha licenziato una legge in cui si afferma il diritto alla cura del dolore per ogni individuo indipendentemente dalla malattia e dall'età.


La terapia analgesica viene abitualmente applicata in vari contesti, da quello postchirurgico, traumatologico, neurologico (in particolare cefalee, nevralgie...), a contesti con minor gravità, ma altrettanto invalidanti: come l'ortopedico/reumatologico, odontoiatrico, sino ad arrivare al dolore oncologico.

La maggior parte dei pazienti a cui la medicina del dolore può essere utile e si dovrebbe indirizzare sono affetti da dolore cronico (esempi: mal di schiena, cefalee, esiti di traumi, esiti di interventi chirurgici, malattie neurologiche).

ortopedia

ortepedia, ortopedico,Vesnaver Alex, poliambulatorio castiglione, tocher

L’Ortopedia è la specializzazione della medicina che studia la diagnosi, la cura medica e/o chirurgica delle patologie dell’apparato locomotore, siano esse di tipo congenito, cronico degenerative oppure di origine traumatica.

L’apparato locomotore è costituito dagli organi di sostegno e movimento (in particolare colonna vertebrale e arti superiori e inferiori), che svolgono la funzione di sostenere il corpo,e dagli organi muscolari che assieme permettono il suo normale movimento.

I medici ortopedici sono specializzati nella diagnosi e nel trattamento dei problemi del sistema muscolo-scheletrico. Esso comprende: ossa, articolazioni, legamenti, tendini, muscoli.

Un po' di storia...

La pratica ortopedica risale a epoche lontane, eppure la parola " ortopedia " iniziò a essere usata solo a partire dal 1741. Fu coniata dal medico francese Nicolas Andry, professore di Medicina a Lione.

L'etimologia della parola associa le radici greche "orthos" e "paideia" (educazione), nei termini di origine greca il termine al genitivo antecede il nome di cui si fa la specificazione, col significato di " educazione allo star diritti ".

Ortopedia oggi

L'attuale ambito d'azione dell'ortopedia comprende:

a) cura delle malformazioni congenite e acquisite dell'apparato locomotore;

b) la diagnostica e la terapia di una lunga serie di malattie che hanno localizzazione nell'apparato locomotore;

c) la traumatologia, che negli ultimi decenni, in conseguenza dell'aumento dell'infortunistica, è divenuta parte integrante dell'ortopedia ed è cresciuta enormemente. Tutto ciò ha dilatato enormemente il patrimonio scientifico e tecnico dell'ortopedia, con la conseguente nascita di superspecialità dotate di autonomia operativa, come la chirurgia della mano, del rachide ecc.

La protesica ortopedica si è sviluppata enormemente negli ultimi vent'anni e si avvale sempre più di una raffinata scelta di materiali e della sempre maggior conoscenza nell'ambito della tecnologia degli stessi. Ciò ha consentito una migliore tenuta delle protesi metalliche e una sempre più perfetta funzionalità delle stesse. Tali protesi si avvalgono di materiali utilizzati dall'industria aerospaziale (come ceramiche, plastiche ecc.) che hanno inedite caratteristiche meccaniche e presentano maggiore tollerabilità locale.

PRESSO IL NOSTRO CENTRO SI ESEGUE LA VALUTAZIONE ORTOPEDICA DELLE SEGUENTI PATOLOGIE:

· Artrosi

· Borsiti

· Cisti di Baker

· Condropatia rotulea

· Patologie dei legamenti

· Cuffia dei rotatori

· Distorsioni

· Epicondilite

· Ernia del disco

· Fasciti

· Fratture - lussazioni

· Lomabalgia - lombosciatalgia

· Metatarsalgie

· Neuroma di Morton

· Morbo di Osgood-Schlatter

· Osteocondrosi

· Periostite

· Pubalgia

· Spina calcaneare

· Tallonite

· Tendiniti

In particolare il nostro ortopedico si occupa anche, oltre che della traumatologia sportiva e di quanto precedentemente elencato, degli interventi alla colonna vertebrale.

PER INFORMAZIONI

TEL. 0376 618396

* Campi obbligatori
Share by: